Aprile

11

Gio

12

Lun

13

Mar

14

Mer

15

Gio

16

Ven

17

Sab

18

Dom

19

Lun

20

Mar

21

Mer

22

Gio

23

Ven

24

Sab

25

Dom

26

Lun

27

Mar

28

Mer

29

Gio

30

Ven

Maggio

01

Sab

02

Dom

03

Lun

04

Mar

05

Mer

06

Gio

07

Ven

08

Sab

09

Dom

10

Lun

11

Mar

12

Mer

13

Gio

14

Ven

15

Sab

16

Dom

17

Lun

18

Mar

19

Mer

20

Gio

21

Ven

22

Sab

23

Dom

24

Lun

25

Mar

26

Mer

27

Gio

28

Ven

29

Sab

30

Dom

31

Lun

Giugno

01

Mar

02

Mer

03

Gio

04

Ven

05

Sab

06

Dom

07

Lun

08

Mar

09

Mer

10

Gio

11

Ven

Il Barbiere di Siviglia. Questa barba la facciamo, sì o no?

Opera it 2017

Info

Il barbiere di Siviglia

Questa barba la facciamo, sì o no?

di G. Rossini

 

Rosina                          Arina Alexeeva       

Conte Almaviva             Stefano Sorrentino 

Figaro                          Gabriele Nani         

Don Bartolo                  Matteo Mollica       

Attore                          Marco Continanza / Davide Marranchelli 

Pianoforte                    Giorgio Martano

 

Regia                          Davide Marranchelli

Scene e costumi           Linda Riccardi

 

Produzione Teatro Sociale di Como - AsLiCo

 

Opera it - Progetto di teatro musicale per la scuola secondaria di II gradoVII edizione 14-18 anni

 

La più buffa tra le opere buffe in un allestimento di 75 minuti.

Il Barbiere di Siviglia compie 200 anni, ma ancora oggi continua a far divertire il pubblico in tutto il mondo. Perché? Perché l’opera buffa, nella musica di Rossini, continua ad esserlo, buffa, a dispetto della sua età. Buffi i personaggi e buffe le vicende in cui si trovano, ma buffo diventa anche lo spettatore, che suo malgrado si riconosce nei vizi rappresentati in scena: chi di noi non è mai stato geloso di qualcuno, e non ha mai desiderato di tenerselo tutto per sé? Chi di noi non vorrebbe quello che vogliono il Conte e Rosina, ossia amare ed essere amati?

Un’opera giocata sulla comicità e sul travestimento.

La comicità è un insieme di “ingredienti” che, come per magia, combinati tra loro fanno ridere: il pubblico si diverte se quello che viene rappresentato è vero, e ci divertiamo ancora di più se quello che si racconta è una verità scomoda, se ci tocca nel vivo, e questo è un primo elemento, ma la verità da sola non basta, bisogna saperla dire! Il travestimento è per Figaro un modo stesso di vivere, è un factotum, e a volte può sembrare addirittura poco raccomandabile, assume ogni volta una forma diversa, si adatta al mondo che si trova davanti; un personaggio del genere sopravviverebbe benissimo anche nel nostro, di mondo, così liquido e in costante trasformazione. Nel Barbiere di Siviglia il tema dell’amore si intreccia con quello della ragione: non esiste destino che non possa essere manipolato dalla ragione. Homo faber fortunae suae, e questo Figaro lo sa bene! Anche un semplice barbiere può giostrare con astuzia le intenzioni dei nobili signori. Scaltro, geniale, un vulcano di idee.

Scarica qui le note di regia