Giugno

06

Gio

07

Dom

08

Lun

09

Mar

10

Mer

11

Gio

12

Ven

13

Sab

14

Dom

15

Lun

16

Mar

17

Mer

18

Gio

19

Ven

20

Sab

21

Dom

22

Lun

23

Mar

24

Mer

25

Gio

26

Ven

27

Sab

28

Dom

29

Lun

30

Mar

Luglio

01

Mer

02

Gio

03

Ven

04

Sab

05

Dom

06

Lun

07

Mar

08

Mer

09

Gio

10

Ven

11

Sab

12

Dom

13

Lun

14

Mar

15

Mer

16

Gio

17

Ven

18

Sab

19

Dom

20

Lun

21

Mar

22

Mer

23

Gio

24

Ven

25

Sab

26

Dom

27

Lun

28

Mar

29

Mer

30

Gio

31

Ven

Agosto

01

Sab

02

Dom

03

Lun

04

Mar

05

Mer

06

Gio

Briciole di Barbiere

Opera baby 2017

Info

BRICIOLE DI BARBIERE

tratto da Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini

Ideazione musicale Federica Falasconi
Attrice / marionettista Benedetta Brambilla
Fisarmonica Mattia Lecchi
Regia Violaine Fournier
Scene e costumi Agnès de Palmaert
Realizzazione scene e costumi Cantieri del Teatro, Como
Produzione AsLiCo


Opera baby – III edizione (0-36 mesi)

Note di regia di Violaine Fournier

Perché proporre il  grande repertorio operistico ai più piccoli?

È possibile trasmettere i capolavori operistici ai bambini da 0 a 3 anni? Questa è una domanda che mi sono posta, diversi anni fa, quando ho iniziato a progettare spettacoli per i bambini di questa età. Per rispondere a questa domanda, mi sono chiesta come ho fatto da bambina a far entrare inconsapevolmente nel mio universo le grandi opere che amo tanto?

Mi sono ricordata di mia nonna che cantava davanti alla televisione tutti i ruoli (di un’opera). Era Traviata morente sul suo letto, Tosca che viveva solo per l’arte, Mario che si faceva fucilare, Mimì che non osava disturbare… Non aveva mai imparato a cantare, né conosceva la musica, ma era così felice quando canticchiava quelle arie! Credo che siano stati gli spettacoli visti da bambina in televisione e la gioia di mia nonna che mi hanno fatto entrare nel mondo della musica e mi hanno fatto venire voglia di fare questo mestiere. Per me trasmettere un’opera di repertorio significa, quindi, prendere il bambino per mano ed entrare con lui dentro un universo visivo e musicale per condividere insieme il momento. Non è un percorso didattico intellettuale che gli darà dei riferimenti all’interno del repertorio! Ma è proprio il fatto di vivere un’esperienza sensoriale ed emotiva che lascerà le prime tracce su questo percorso. Per il bambino, la vita è una scoperta in ogni momento. I suoi occhi, le sue orecchie, il suo gusto, il suo tocco, il suo olfatto sono completamente aperti per esplorare il suo ambiente. Egli è sensibile a ciò che si muove, ai rumori che lo circondano e in particolare alle voci.

Forse perché sono le voci che veicolano la gioia, paura, tristezza, rabbia, con le loro sfumature e le loro intensità.

E più nello specifico il Barbiere di Siviglia ?

Il barbiere è una storia che parla di costrizione e di un amore che sboccia. La costrizione della sfortunata Rosina che aspira a una vita fatta di amore, gioia e novità, ma rischia un matrimonio forzato con il suo tutore. L’amore di un Conte che cerca di essere amato per ciò che è, e che si innamorerà della graziosa Rosina. Due anime che cercano di vivere la vita che hanno sempre sognato, lontano dagli obblighi sociali, dai «si deve» e i «si dice». Dire no a ciò che ci viene imposto, avere dei desideri, interpretare dei ruoli, amare ed essere amati: tutti temi e sentimenti che i più piccoli sperimentano già…I genitori ben lo sanno.

Uno spettacolo fedele all’universo di Rossini

Sul piano musicale, la musica de Il barbiere è piena di brio, velocità, entusiasmo. Un cocktail perfetto per uno spettacolo dinamico e pieno d’umorismo sull’opera buffa. Noi sceglieremo le pagine più belle da trasmettere ai bambini. Dal punto di vista dell’universo visivo, poesia e colori si incontreranno e intrecceranno in una storia delicata di due amanti maliziosi. Per raccontare questa storia, entreremo nella cucina di casa, dove la mamma cucina delle zuppe colorate e delle torte profumate. Un luogo che i bambini conoscono bene. Ma cosa succede quando la mamma esce dalla cucina? E se gli utensili, le verdure, la frutta prendessero vita e decidessero di vivere piuttosto che finire in zuppe e torte? Dal reale all’immaginario, dalle proiezioni colorate alle ombre cinesi, partiamo per un viaggio in questa cucina incantata… accompagnati dalla ‘deliziosa’ musica di Rossini!

Non perdere nemmeno un appuntamento del
Teatro Sociale di Como!

Per restare sempre aggiornato su tutte le novità e per poterci inviare richieste su spettacoli e biglietti, iscriviti a 'FiloDiretto'